Fabio Andrea Petrini

Convivere in un ambiente parzialmente osservabile

15 Gennaio 2022

All’esame orale di Artificial Intelligence parlammo di ambienti parzialmente osservabili e ambienti ignoti.
Addirittura discutemmo sulle differenze tra queste caratteristiche e su come fosse possibile incappare in ambienti non ignoti ma solo parzialmente osservabili.
Detta per strada sembrerebbe una contraddizione, in un testo scientifico non lo è.
La discussione terminò in una bella chiacchierata dove emerse anche il paradosso del gatto di Schrödinger.
Gli ultimi anni sono la testimonianza più evidente che l’indeterminatezza, caratterizzante negli oggetti microscopici, può essere trasferita anche agli oggetti macroscopici perché la nostra osservazione talvolta è limitata.
Quello che conta è saper studiare i fenomeni dal punto di vista probabilistico (e non solo) per poi fare delle scelte consapevoli e rispondenti agli obiettivi che si vogliono raggiungere.

Questo post è una... brevissima!

Le brevissime sono piccoli post pubblicati rapidamente. Spesso presenti anche nelle bacheche dei miei social, sono privi di tag, sottotitoli e altri fronzoli. A volte racchiudono riflessioni istantanee, altre volte citano articoli e fonti esterne su argomenti di mio interesse.
Consulta tutte le brevissime!

Se invece vuoi accedere agli articoli, pubblicati con frequenza minore ma con maggiori approfondimenti, raggiungi il blog.

Lascia un commento